SCHEDA

SPECC. VENEZIA 1
SPECCHIERE
SPECC. VENEZIA 2

INTAGLIATORI VENEZIANI

Venezia primo quarto del XVIII secolo

 

COPPIA DI SPECCHIERE

Legno intagliato e dorato

MISURE: CM 220 X 150

 

SCHEDA CRITICA A CURA DELLA DOTT. LORENZA DI BARTOLOMEO

 

La coppia di antiche e magnifiche specchiere in esame risale al XVIII secolo. Esse sono in legno riccamente intagliato e dorato con armoniosi fiori, girali e fogliame. La qualità dell’opera è ben evidente dalla ricchezza dell’ornato vegetale, che conserva un andamento naturalistico anche nell’elaborato intrecciarsi dei racemi. Di squisito gusto architettonico ed artistico la coppia delle specchiere in analisi risulta opera di grande studio da parte dell’esecutore; tale analisi si evince non solo dalla maestria dell’intaglio del festone centrale, a correre per tutta la geometria degli oggetti, ma anche dal gusto degli angoli, particolarmente curati sin nei minimi dettagli. La straordinaria esuberanza di queste parti lignee documenta, la grande abilità ed il raffinato gusto settecentesco degli intagliatori veneziani aggiornati circa le ultime novità. Le specchiere presentano un gusto descrittivo ed un’armonia di esecuzione tipiche per l’appunto degli intagliatori attivi nelle botteghe veneziane nel corso della prima metà del XVIII secolo, 1720 più precisamente. Infatti, i girasoli che compaiono lungo i bordi sono un dettaglio adottato unicamente durante il primo ventennio del 700 e verrà ripreso, modificato, in epoca successiva dallo stato pontificio. Gli specchi risultano essere quelli originali antichi e ciò conferisce ancor più valore agli oggetti. I primi specchi di vetro furono prodotti nel XVI secolo ed ebbero una grande diffusione nel XVIII secolo. Specchi in lastra di vetro furono ampiamente realizzati dagli specchieri di Murano (spegeri) che nel 1569 si costituirono in corporazione. A Murano le lastre da specchio erano preparate nelle fornaci appartenenti al colonnello dell’Arte vetraria dei fabbricanti di quari e lastre. I maestri che producevano lastre da specchio venivano chiamati maestri da quari. A Venezia nel secolo XVI le lastre da specchio venivano argentate sul retro con un’amalgama di stagno e mercurio, ma dopo il 1840 venne adottato il sistema del deposito d’argento o di platino. Le specchiere si presentano in uno stato di conservazione molto buono.

error: Il contenuto è protetto Content is protected !!